L’ORDINE E I SUOI
COMPITI ISTITUZIONALI

L’ORDINE E I CITTADINI

L´Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri è un Ente Pubblico costituito con legge dello Stato. Il nostro ordinamento giuridico ha voluto così tutelare il Cittadino, garantendo che Medici e Odontoiatri siano in possesso dei titoli necessari allo svolgimento delle due professioni e che l´esercizio stesso avvenga secondo dei principi di correttezza e decoro.

In Italia, così come negli altri Paesi dell´Unione Europea, pur con forme diverse, queste professioni sono definite “protette”, in altre parole è necessaria una speciale abilitazione dello Stato e l´iscrizione in uno specifico Albo per potere esercitare.

Il possesso dei titoli deve essere completato dall´osservanza di specifiche norme comportamentali che insieme costituiscono il Codice di Deontologia Medica: precetti fondamentali che sono autonomamente elaborati e costantemente aggiornati dall´Ordine, che è chiamato a garantirne il rispetto e a comminare sanzioni disciplinari nei confronti dei professionisti che li disattendono.

L’ORDINE: FUNZIONE E POTERI

1) L´Ordine deve in primo luogo tenere e pubblicare gli Albi professionali, garantendo a tutti i cittadini la possibilità di verificare l´effettiva iscrizione di un medico o di un odontoiatra e, dunque, il possesso dei titoli e delle competenze indispensabili per esercitare la professione. È previsto che l´Albo venga pubblicato e trasmesso anche alle Autorità competenti una volta all´anno, nel mese di febbraio.

2) Il Consiglio Direttivo deve vigilare sul decoro e sull´indipendenza dell´Ordine, come espressione di autonomia e capacità di autogoverno. I principi contenuti nel Codice Deontologico non costituiscono, a differenza delle leggi della Repubblica, un completo ed esaustivo elenco di norme da osservare ma, ispirando l´azione di vigilanza, consentono di effettuare autonome valutazioni sulla correttezza comportamentale dei medici e degli odontoiatri.

3) L´Ordine ha anche il compito di designare propri rappresentanti presso commissioni, Enti o organizzazioni comunali o provinciali

4) Altra funzione dell´Ordine è quella di promuovere e favorire le iniziative intese a facilitare il progresso culturale degli iscritti. È una funzione importante e strategica soprattutto in riferimento all´introduzione del progetto nazionale di Educazione Continua in Medicina (ECM).

5) L´Ordine contribuisce all´elaborazione e all´adozione di provvedimenti normativi che riguardano le professioni in quanto la legge prevede che dia “il proprio concorso alle Autorità locali nello studio e nell´attuazione dei provvedimenti che comunque possono interessare l´ordine”.

6) Se richiesto, l´Ordine può interporsi nelle controversie tra sanitari e tra questi ed Enti o persone, “per ragioni di spese e di onorari”. L´intervento dell´Ordine può anche non limitarsi a ciò, ma anche intervenire, sempre se richiesto, per conciliare le parti all´interno di contenziosi per responsabilità professionale.

7) Infine l´Ordine esercita il potere disciplinare attraverso l´azione autonoma e distinta delle due Commissioni per gli Iscritti agli Albi dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

Menu